Tre ragioni per visitare Bamberg

L’arrivo della bella stagione porta spesso con sé la voglia di cambiare aria per qualche giorno.

Se abitate a Monaco siete piuttosto fortunati! Vista la sua posizione geografica strategica al centro dell’Europa, Monaco offre una grande varietà di possibilità per quando vi va di fare una gita fuori porta, o semplicemente di passare qualche giorno fuori città.

A poco più di 200 km di distanza e poco più di due ore di strada, Bamberga vi aspetta per uno o due giorni di stacco dalla routine.

La città si trova a nord della Baviera e sorge su sette colline; nonostante sia piuttosto piccola, rappresenta alla perfezione il detto tedesco “Klein aber fein”. Non fatevi comunque ingannare dalle dimensioni, la città offre indubbiamente sufficienti cose da fare e da vedere nel tempo in cui deciderete di fermarvi.

Dal momento che i link e i consigli su cosa vedere a Bamberga non mancano, oggi ci concentriamo solo su tre tappe da non perdere.

Imprescindibile sosta per bere una birra affumicata

La ragione numero uno per visitare Bamberga è senza dubbio la birra affumicata. Di quando in quando in alcuni Getränkemarkt è possibile trovare la birra Schlenkerla anche a Monaco. Non è impossibile, ma nemmeno facilissima da trovare.

Come accade spesso però, è più buona quando la si beve nel posto dove è prodotta. Per questa ragione vi consigliamo come tappa assolutamente obbligatoria per rifocillarvi alla birreria storica Schlenkerla in centro città, che potrete piazzare tra una visita al Municipio e una al Duomo di Bamberga.

La birra affumicata, per quanto mi riguarda, era veramente difficile da immaginare, prima di averla provata. L’aroma di carne affumicata, o speck, viene dato dal fumo dei tronchi di faggio che si distribuisce sul malto cotto a fuoco aperto.

Se siete affamati, questa birra si sposa perfettamente con il Fränkischer Brotzeitteller che trovate nella stessa birreria.

Un pomeriggio all’ Hopfengarten

Come seconda cosa da vedere e fare a Bamberga rimaniamo sul tema birra, perché lo sappiamo che avrete sicuramente già fatto una tappa all’ex monastero benedettino di San Michele, e che ora è giunto il momento di sedervi un po’ in un bel posto a lasciare il tempo scorrere sereno.

Dalla più grande e famosa Schlenkerla passiamo al più piccolo birrificio della città. L’Hopfengarten, come dice il nome “Giardino del luppolo” è oltre che birrificio, anche un vivaio che coltiva personalmente diverse quantità di luppolo usate per produrre le birre cittadine. La produzione delle loro birre è in scala molto piccola e quindi non avrete molte altre occasioni per provare le diverse varietà proposte.

I tipi di birra proposti sono veramente molti e interessanti, alcuni esempi sono la birra “Gurki”, che unisce l’aroma del cetriolo a quello della birra, oppure la birra al rosmarino, al basilico, al peperoncino, e molte altre! Tutte le erbe usate nelle birre sono rigorosamente coltivate nel vivaio stesso.

In più avete anche la possibilità di partecipare a degustazioni e seminari che vengono organizzati con frequenza, e di acquistare delle piante direttamente al vivaio.

La città Giardino

Bamberga è patrimonio mondiale dell’UNESCO anche grazie alla tradizione, che risale al Medioevo, di coltivare i fiori e le verdure in centro città.

Se vi trovate a visitare Bamberga in particolare verso fine aprile potete approfittare delle giornate dette “dei giardini aperti”, dove potrete dare un’occhiata a questi affascinanti giardini cittadini dove si coltiva un po’ di tutto.

Le zone coltivate sono piuttosto nascoste, in quanto si trovano nelle corti interne delle abitazioni, per cui è interessante approfittare di questi giorni per curiosare dove solitamente l’accesso non è libero.

Dello stesso autore

Fede

Uscire e provare tutti i nuovi locali e ristoranti è la mia specialità. Qui condivido i miei consigli sulla movida e su tutto quello che riguarda il lifestyle.

Post che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *