Cambiare casa: la checklist definitiva

Chi di noi non conosce questo classico? Non appena ci hanno comunicato di aver scelto noi per quel lavoro all’estero che volevamo tanto, abbiamo deciso di mollare tutto e cambiare vita e cambiare casa: ci siamo fiondati in città nel primo appartamento disponibile che abbiamo trovato, con la speranza di trovarne presto uno più consono ai nostri desideri.

Finalmente dopo mesi in una supercostosa micro-stanza in un quartiere out, la ricerca frenetica ha ripagato e hai trovato l’appartamento perfetto nel quartiere perfetto. Fantastico! Questo vuol dire una cosa sola: è arrivato il momento di trasferirsi.

Cambiare casa è un’attività che richiede una certa dose di pianificazione, soprattutto superata la fase di eccitazione iniziale, per evitare di incappare in problemi che si sarebbero potuti facilmente evitare e di sostenere extra costi che avreste potuto risparmiare se solo aveste fatto tutto per tempo.

Ecco la checklist delle cose più importanti da ricordarsi di fare quando si decide di trasferirsi a un nuovo indirizzo. Se invece ancora non sei riuscito a trasferirti all’estero, ma ti piacerebbe farlo, dai un’occhiata alle utilissime guide del portale Voglio Vivere Così.

Ma torniamo alla nostra lista!

Prima di cambiare casa: recedere dal contratto di affitto

Detto così sembra uno step piuttosto banale, ma in realtà il tempismo è d’obbligo per evitare di ritrovarsi a pagare una doppia locazione per qualche mese. Generalmente il preavviso previsto in caso di recesso è di tre mesi. Un buon consiglio è anche quello di controllare nel vostro contratto se sono previsti dei lavori di manutenzione a carico vostro prima di lasciare l’appartamento (ad esempio imbiancare), e in caso positivo iniziare a pensare se sobbarcarvi il carico da soli e se affidarvi a chi lo fa di mestiere.

Pianificare le date in cui fare lo spostamento e prendere ferie

Anche qui vi conviene controllare il vostro contratto di lavoro, o fare due parole con le HR. In alcuni casi potreste avere diritto a qualche giorno di “Sonderurlaub” concessi dal datore di lavoro. In alternativa, è sempre bene mettere in conto un paio di giorni per sbrigare con calma tutto il lavoro che ci sarà da fare, in casa vecchia e nuova, nonché i vari appuntamenti burocratici che ne conseguono.

Se avete figli e vi spostate ben lontano da dove stavate prima potreste considerare di disdire gli eventuali Kita, Kindergarten, scuole per cercare qualcosa nella nuova area in cui vi sposterete.

Ovviamente preparare gli scatoloni

Questa è un’attività che potete iniziare anche con un certo anticipo, riempiendo per prime le scatole contenenti cose che usate meno, per esempio potreste iniziare dalla cantina e seguire poi con quegli scomparti della casa dove non guardate quasi mai. A questo proposito potreste anche volere cogliere l’occasione per fare una cernita delle cose che volete portarvi nella vostra nuova vita, e di quelle che potrebbero anche essere lasciate indietro. Non so voi ma liberarmi del ciarpame mi fa sempre sentire molto leggera. Quando organizzate gli scatoloni vi consiglio di organizzarli per stanza e di etichettarli in modo da portarli direttamente nella stanza giusta una volta arrivati in casa nuova.

Effettuare l’Ummeldung

Ovvero recatevi al Bürgerbüro più vicino a voi e comunicate il nuovo indirizzo e la data in cui avete intenzione di cambiare casa.

Disdire o trasferire i vari abbonamenti

Questa è una delle voci più importanti della checklist in quanto anche qui se non ci si muove per tempo e correttamente si rischia di avere più problemi che altro. La sottoscritta, per esempio, non aveva preso per tempo il nuovo appuntamento per installare internet nel nuovo appartamento, e mi sono ritrovata per 20 giorni senza connessione. Il mio consiglio, quindi, è il seguente: verificate quali contratti potete e volete semplicemente trasferire e quali invece volete disdire e muovetevi per tempo cercando di rispettare i termini dei vostri contratti.

Comunicare il nuovo indirizzo

Mettete nero su bianco tutti gli enti a cui dovete notificare il vostro cambio di indirizzo, Banca, assicurazioni, datore di lavoro, abbonamenti a riviste ecc. e procedete alla comunicazione.

Nell’eventualità che vi sfugga qualcosa attivate il Nachsenderauftrag tramite la posta

Altro non è che l’inoltro della vostra posta dal vecchio indirizzo a quello nuovo ed ha la durata di un anno. A mano a mano che riceverete posta inoltrata andate ad informare i mittenti del vostro nuovo indirizzo. Dopo un anno, le possibilità che qualcuno vi cerchi ancora al vecchio indirizzo saranno pressoché nulle. Qui trovate i prezzi.

Cambiare casa

Se fate il trasferimento da soli, noleggiate un furgone

Quasi tutte le compagnie di noleggio hanno a disposizione anche furgoni per trasporto di cose. Le tariffe spesso sono più convenienti durante la settimana e spesso affittando da tre giorni in su si risparmia qualche soldo e si può fare tutto con più calma.

Cercare una ditta di traslochi per cambiare casa

Potete consultare questo portale per visualizzare le varie offerte e scegliere quella che vi soddisfa di più.

Smontare i mobili

Più a ridosso della data si porrà anche il problema di smontare i mobili. Se non vi affidate ad una ditta di traslochi che lo farà al posto vostro, il mio consiglio è quello di usare dei post-it sulle varie parti dei mobili che vi aiutino nel rimontaggio (alcuni armadi possono essere davvero complicati da rimontare), ed eventualmente fare delle foto. Questo ovviamente se non avete conservato le istruzioni di montaggio di ogni singolo mobile che possedete.

Sbarazzarvi di quello che non vi serve più

Se non volete o non potete portarvi tutto in casa nuova avete alcune opzioni: potete provare a vendere a chi vi subentrerà dei mobili che non volete portare con voi o, alternativamente, potete provare a vendere alcune cose su piattaforme come Ebay Kleineanzeige oppure Nebenan. Se nessuna di queste soluzioni dovesse funzionare non vi resta che trovare la Wertstoffhof più vicina a voi e sbarazzarvi della zavorra.

Fatevi aiutare da qualche amico

Quest’ultima è facoltativa ma una buona compagnia renderà di sicuro lo stress del trasferimento molto più piacevole. Non dimenticate di offrire ai vostri amici aiutanti una birra ghiacciata in casa nuova come ringraziamento.

Dello stesso autore

Fede

Uscire e provare tutti i nuovi locali e ristoranti è la mia specialità. Qui condivido i miei consigli sulla movida e su tutto quello che riguarda il lifestyle.

Post che possono interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *